Il monitoraggio ecografico dell’ovulazione rappresenta spesso il primo passo di un percorso diagnostico per le coppie in cui una prima indagine abbia escluso la presenza di un fattore maschile e di una eventuale causa dovuta a patologie tubariche o uterine.

L’esame, non invasivo e facilmente ripetibile, permette un monitoraggio dello sviluppo follicolare e della funzionalità ovarica che consentono di verificare il normale processo di ovulazione.

In questo modo la paziente, oltre ad avere dei riscontri anche in termini diagnostici (saprà se la sua ovulazione è regolare o presenta delle anomalie), potrà anche conoscere i giorni esatti della sua ovulazione, in modo da aumentare notevolmente la possibilità di avere una gravidanza.

Oltre al monitoraggio è importante eseguire alcuni esami ematici come il dosaggio dell’ormone Antimulleriano, che da’ notizie sulla riserva follicolare.

CONTATTACI

Hai domande?